Glossario Orologeria

A

Analogico – Orologio che indica l’ora con il sistema tradizionale a lancette. Viene usato in alternativa a DIGITALE, in elettronica, quando non si serve di tecnologia di visualizzazione a LCD o LED.

Anti-magnetico – Si dice di movimento la cui spirale è costituita da lega metallica non influenzabile da magnetismo.

Albero di carica – Componente che si insinua nel gioco delle basculles, per regolare l’orario e/o caricare l’orologio.

Ancora – Componente del meccanismo di orologio che trasforma il movimento rotatorio del ruotismo in movimento ad alternanze attraverso il bilanciere. Blocca di fatto lo scorrimento del ruotismo.

Automatico – Meccanismo che auto-ricarica l’orologio meccanico sfruttando l’energia cinetica. Si serve di una massa, detta oscillante, la quale arma la molla senza fine contenuta nel bariletto (vedi)

B

Bariletto – Componente di forma cilindrica bassa e larga, contenente la molla di carica.

Bascules – Generalmente usato per definire il ruotismo di trasmissione tra albero di carica (vedi), ruota di centro e sistema di carica. Prende il nome dalla specifica leva basculante e caratteristica.

Bilanciere – Organo regolatore dell’orologio, costituito da volantino, asse, plateau e spirale. E’ l’elemento oscillante che costituisce il cuore del meccanismo.

C

Calendario – Sistema di visualizzazione della data, ma spesso anche del giorno della settimana e del mese. Può essere perpetuo quando è in grado di attivarsi in modo autonomo per i fine mese di 28, 29, 30 e 31 giorni.

Calibro – Comunemente questo termine viene utilizzato per definire uno specifico meccanismo (es.: calibro ETA 2892, calibro Tag-Heuer 1887, Calibro Miyota OS10, ecc.). In origine indicava la misura del meccanismo espressa in “linee” (vedi). Per cui, i puristi preferiscono indicare il meccanismo con il termine “movimento” (es.: Movimento ETA 2892) e le dimensione con il termine calibro (es.: Calibro 10 linee e mezza)

Carica manuale – Viene definito in questo modo un movimento meccanico la cui molla viene armata attraverso la “corona” (vedi) e la tiges (o albero di carica -vedi-).

Carrure – In un orologio è il profilo della cassa (vedi).

Cassa – E’ la parte esterna dell’orologio, che lo caratterizza con la forma e che lo destina all’uso appropriato (polso o tasca).

Chaussé – Pignone forato alcune volte in modo passante, per essere applicato a pressione sul perno inferiore della ruota di centro, e i cui denti posti alla base si armano con la “ruota della minuteria” (vedi).

Circuito – Viene così definito il modulo elettronico di un orologio, e consiste in una base in ceramica, vetronite, bachelite, o altro materiale, su cui sono applicati, solitamente, tutti i componenti elettronici.

Complicato – Meccanismo che contiene funzioni alternative e/o aggiuntive rispetto all’indicazione di ore, minuti, secondi e data.

Complicazione – Funzione supplementare che rende l’orologio “complicato” (vedi).
Contatori – Piccoli quadranti posti all’interno del quadrante principale e che indicano funzioni cronografiche o altre funzioni.
Corona di carica – Elemento a forma cilindrica zigrinata, con al centro la protuberanza di un cilindro di sezione molto più piccola con verme interno per alloggiare la vite dell’albero di carica.

Cronografo – Orologio specifico per il cronometraggio di precisione di gare e/o altri eventi. Quando è integrato in un orologio, solitamente, nelle versioni analogiche, il tempo rilevato viene indicato attraverso lancette supplementari collocate nei “contatori” (vedi).

Cronometro – Orologio che ha subito un particolare controllo, superando parametri strettissimi di affidabilità e precisione imposta dall’osservatorio svizzero il quale rilascia il certificato COSC, con un numero proprio attribuito allo specifico orologio controllato.

D

Data – funzione indicatrice del giorno specifico del mese.

Diapason – Elemento a forma di forcella che costituisce l’organo regolatore di un particolare tipo di orologio. Conobbe un periodo di grande fortuna con l’introduzione della serie Accutron di Bulova e di alcuni movimenti di ETA (ESA)

Digitale – Orologio con display a LCD o LED, indicante l’orario sotto forma numerica. Per i puristi dovrebbe essere attribuito agli orologi che si servono della tecnologia elettronica digitale.

Eta – Costruttore di meccanismi di orologi. Fa parte del colosso Swatch Group e equipaggia diversi brand dell’orologeria.

F

Fasi lunari – Indicazione del ciclo lunare. Particolarmente apprezzato come complicazione di orologio.

Fondello – Parte inferiore della cassa. Può essere a vite, negli orologi maggiormente impermeabili, a pressione, o applicato tramite viti. In alcuni casi è costituito da un supporto che contiene un vetro zaffiro o un plexiglass (meccanismi a vista). Alcuni brand personalizzano il fondello con simboli e logo, oppure ne personalizzano il sistema di apertura (es.: Rolex, Baume et Mercier, Philip Watch, ecc.)

Fuso orario – Sistema di fasce orarie che determinano l’ora locale di tutti i Paesi del mondo.

G

Giro-tourbillon – Sistema a tourbillon (vedi), ma ruotante su due assi.

H

I

Impermeabilità – La capacità di una cassa di resistere alla pressione esterna onde evitare la penetrazione dell’acqua. Si misura in atmosfere.

Indici – Elementi di varie forme, ma nella maggior parte dei casi a piccolo segmento, che indicano la corrispondenza delle ore sul quadrante di un orologio.

L

Lancette – Elementi di varie forme e dimensioni che provvedono alla visualizzazione dell’ora o di altre funzionisul quadrante di un orologio analogico (vedi). Le lancette sono solitamente in metallo o in materiale sintetico. Le più importanti sono quella delle ore (più corta e tozza) fissata a pressione sulla “ruota cannone”(vedi), quella dei minuti (più lunga e più sottile), fissata sulla “chaussé” (vedi), e quella dei secondi (sottilissima e lunga se al centro, o corta se nel piccolo contatore), fissata sul perno inferiore e prolungato della ruota dei secondi.

Linea – Unità di misura per le dimensioni di un movimento. Corrisponde a mm. 2,256.

Lunetta – Parte circolare applicata sulla cassa, che serva a trattenere il vetro.

M

Massa oscillante -Componente fondamentale dell’automatico che, fissato ad un perno centrale, ruota nei due sensi per via del suo sbilanciamento, provvedendo attraverso un ruotismo di trasmissione, a carica la molla. Ultimamente alcune maison quali ad esempio Tag-Heuer e Corum, hanno modificato la forma e il movimento della massa oscillante, trasformandolo in verticale.

Meccanismo – Termine alternativo per il (più corretto) “Movimento” (vedi).
Movimento – Viene così definito l’insieme dei meccanismi di un orologio funzionante.

P

Pulsanti – Componenti a pressione che possono assumere diverse forme. Sono inseriti nella carrure per l’accesso alle funzioni dell’orologio (cronografo, programmazione data, ecc.)

Q

Quadrante – E’ il volto dell’orologio. Elemento caratterizzante che serve per leggere correttamente e facilmente l’orario. Alcuni orologi essenziali (squeletre (vedi), ecc.) non utilizzano il quadrante

Quarzo – Negli orologi il cristallo di quarzo viene sfruttato per la sua capacità di oscillare in modo regolare, quale base dei tempi per i precisissimi prodotti delle ultime generazioni.

R

Racchetta – Organo applicato sulla parte superiore del ponte del bilanciere. La sua posizione influenza la spirale e determina la variazione della marcia oraria.

Rattrappante – Complicazione applicata ai cronografi analogici per la rilevazione dei tempi intermedi. E’ detto anche “sdoppiante”.

Ripetizione – Complicazione che indica le ore e i minuti in modo acustico.

Riserva di carica – Complicazione che provvede a indicare il tempo residuo di carica di un orologio. Solitamente posta all’interno di un “contatore” (vedi).

Rocchetto scorrevole – Ruotino cilindrico forato in modo passante, che avvolge la parte terminale dell’albero di carica e ingrana bascules e ruote di carica. Deve il suo nome allo scorrimento che effettua lungo l’albero di carica per spostarsi nella posizione idonea alla carica o allo spostamento delle lancette.

Ruota cannone – Così si definisce la ruota delle ore, perché forata per alloggiare all’interno la chaussé.

Ruota dei minuti – Ruota che effettua una rotazione ogni ora, e cui viene applicata la lancetta dei minuti per la lettura di questo dato.

Ruota dei secondi – Ruota che effettua una rotazione ogni minuto, e a cui viene applicata la lancetta dei secondi per la lettura di questo dato.

Ruota di scappamento – Ultima ruota del treno del ruotismo, immediatamente precedente l’àncora (vedi), e successiva alla ruota dei secondi.

S

Saltarello – Orologio meccanico che indica le ore in modo numerico, attraverso dischi.

Silicio – Materiale semi-conduttore utilizzato in elettronica e in orologeria meccanica per la costruzione dell’ultima generazione di spirali e dei componenti di scappamento.

Spirale – Molla dalla forma caratteristica che, applicata sul volantino del bilanciere, ne detrmina e regola le oscillazioni.

T

Tonneau – Classica forma di cassa a forma di botte, da cui il nome dalla traduzione dal francese.

Tourbillon – Complicazione che consiste nell’ingabbiare bilanciere e parte dello scappamento affinchè ruoti durante il funzionamento dell’orologio allo scopo di vincere le variazioni di marcia provocate dalla normale forza di gravità. Fu brevettato nel 1901 da Abraham-Louis Breguet, uno dei geni dell’Orologeria.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>